Tag Archives: renzi

Di Acronimi, Articoli e Calcinculi.

30 Set

Si parla dell’articolo 18 da più di dieci anni.

Ieri anche il PD (acronimo della nota bestemmia, nonché partito sedicente di sinistra, moderato, che uno a un certo punto si domanda: “ma a che serve un partito moderato?”) si è stretto intorno al Premier, purtroppo senza stritolarlo, appoggiando il Jobs Act, che già solo per aver scelto un nome inglese, gli andrebbe lanciato in testa.

Ma criticare chi fa le cose è un esercizio troppo facile, e in Italia siamo fortissimi in questo. Quindi ognuno faccia il proprio lavoro (chi ce l’ha, ovviamente) e aspettiamo di vedere cosa succede.

12 anni fa per salvare l’articolo 18 scesero in piazza tre milioni e mezzo di persone, oggi la gente scende in piazza solo per tirare i sassi agli immigrati, fare la fila per il nuovo telefonino o salutare il Papa.

Forse davvero questo articolo 18 è il grande problema della stasi del paese, non ne ho idea e anzi spero proprio che sia così. Toglietelo. Fate quello che volete, tanto peggio dei CoCoCo, CoCoPro, dell’Interinale, dell’inter anale, del “a progetto”, del “A gratis”, del “tempo determinato”, dell’apprendistato senza obbligo di assunzione, dello “schiavismo che però intanto impari il mestiere e ti fai conoscere”, non potete fare.

Quindi niente, fate tutto quello che dovete fare per farci tornare un paese normale. E se ci riuscite sarò il primo a venirvi ad abbracciare e chiedere scusa per la mia malafede.

Ma se è l’ennesima presa in giro, calci in culo.
Tanti calci in culo.
Vagonate di calci in culo a chi non conosce la realtà che tenta di governare, perché non ha mai lavorato in vita sua e a fine mese non deve scegliere tra pannolini e merendine.

Ma tanto è tutta colpa degli immigrati.

Buona giornata a chi più che un articolo, vorrebbe mantenere lo stipendio.

Annunci

Friday Spam – Tettonico Ottimismo

21 Mar

Ci sono certezze che non possono crollare.

Si dice che le cose se non si fanno bene è meglio non farle.

Io non ci credo, perché altrimenti al giorno d’oggi dovremmo stare tutti seduti fermi a guardare in basso.

E quindi in ritardo, di fretta ma con amore, è uscito Fuori Tema.

http://www.eunews.it/2014/03/21/tettonico-ottimismo-titolo-provvisorio/13599

Image
Leggi e scialla ma stavolta non sciarare.

Renzi Tour

20 Mar

(dall’odierno Feisbuc)

(da leggere con voce da dj, tipo Johnny Glamour)

Prosegue il Renzi-tour su e giù per l’Europa, oggi il Premier made in Italy più giovane della Storia planerà col suo carico di entusiasmo a Bruxelles, dove pranzerà insieme agli amici del PSE, poi ruttando correrà in Commissione dove incontrerà Barroso di ritorno dal pranzo col PPE e insieme prenderanno caffè e digestivo e poi finalmente parteciperà al tanto atteso afterhour insieme agli altri capi di Stato ospitati dal resident “HVR”.

Come sapete il nonnismo non perdona nell’UE e il nostro neopremier dovrà subire i rituali della puntina sulla sedia, i lacci allacciati tra loro, lo spintone della Merkel con Hollande accucciato dietro per farlo cadere e il pessimo gavettone di birra.

Per la penitenza finale, il gabinetto di Von Rompuy ha comunicato che gli faranno cantare vestito da ballerina di flamenco il suo successo spagnoleggiante DJOBI – JOBACT.

Si parlerà di unione bancaria, occupazione della Crimea, del tempo, del film di Sorrentino, di cosa faranno quest’estate, del campionato spagnolo e del menù del prossimo Consiglio di giugno, chissà fino a che ora.

Buona giornata a chi ha perso la fiducia ma ha trovato la speranza e la scambia con un pacchetto all-inclusive quattro giorni a Tropea.

Friday Spam – Chi Non Risika

7 Mar

Anche se il lavoro mi sommerge, non posso tradire il pubblico che mi ha permesso di raggiungere il successo e di acquistare tre isolati interi a Beverly Hills.

I grandi si riuniscono a giocare, mentre noi tiriamo avanti la carretta e l’unico svago che ci è rimasto è la scanzonata Fuori Tema.

Ogni venerdi onlain, gratis, sia per voi che per me.

http://www.eunews.it/2014/03/07/chi-non-risika/13196

Buona giornata a chi non si e non mi prende sul serio, che è l’unico modo per stare bene.

Giochi da Tavolo

6 Mar

Prima esperienza europea per Renzi che abbassa i toni da rockstar e come è prassi deve passare correndo in mutande tra gli scappellotti degli altri capi di Stato al grido di “un due tre nun se move na foja!”.

Tutta la stampa (italiana) era in fibrillazione per il suo arrivo, anche perché sono loro che gli hanno fatto vincere le primarie, lo sentono un po’ come un figlio; c’è un’eccitazione che ricorda molto quella dei tempi di Berlusconi. La ricorda TROPPO.

E comunque il Premier è entrato senza neanche dirci buongiorno.

Ora si ritrova suo malgrado a giocare a quello che molti cronisti amano definire il “Real Risiko” (o forse solo io lo definisco così) ma mentre Putin muove i suoi carrarmatini, l’UE gioca di sanzioni e imprevisti, confondendosi col Monopoli.

Il problema è che qualunque gioco giochino alla fine il tabellone sarà rovinato, molte pedine saranno cadute, mentre i giocatori resteranno al tavolo, aprendo una nuova bottiglia di vino pregiato, pronti per un’altra partita.

Buona giornata a chi fa i compiti a casa e a chi si giustifica.

Friday Spam – La Nostra Redazione (è qualche cosa di diverso)

28 Feb

La rubrica più seguita di Tor Pignattara apre le sue porte ai lettori svelando il volto più nascosto.
Come Repubblica.it vi fa entrare nel cuore del giornale, noi vi facciamo penetrare nel colon.

Image

Come nasce una puntata di Fuori Tema?
Chi sono i ragazzi dello staff?
Com’è Ceskoz come direttore?

Queste ed altre domande che non vi siete mai posti troveranno finalmente una risposta.
Ovviamente su eunews.it.

http://www.eunews.it/2014/02/28/la-nostra-redazione-e-qualche-cosa-di-diverso/13047

Buon uichènd a chi legge e condivide con empatia.

Flashed News

26 Feb

cescopunta

(da Feisbuc, del 26 Febbraio 2014)

Il maestro Paco de Lucia ci ha lasciati.
Oggi feisbuc e tuitter saranno invasi dalla buona musica.
Soprattutto sui profili di chi di solito ascolta Paola e Chiara.

Paris Hilton intanto posta tutti i video dei Gipsy King.

Renzi va in una scuola di Treviso perché, dice, bisogna partire dalla scuola.
E si mette a fare volantinaggio in cortile per le prossime elezioni.
Del rappresentante di istituto.

In Uganda è passata una legge che prevede l’ergastolo per gli omosessuali.
Nel 2014 è una vergogna, uno schifo.
Ma non si rendono conto che così staranno sempre tutti nelle docce a lanciare saponette!?

In Belgio invece c’è il sole, grazie ai cambiamenti climatici, quindi prego tutti gli italiani di sgasare coi SUV, spruzzare spray anni 80, accendere i condizionatori a palla, e comprare verdure e acque in plastica provenienti dall’altro capo del mondo. Grazie.

In tutto ciò non fumo da sabato notte e mi sento molto meglio.
Ogni tanto mi viene voglia di una sigaretta ma ho scoperto che basta succhiare un bastoncino di liquerizia intriso di acido lisergico.

Buona giornata a chi copiaincolla i tuit su feisbuc e poi copiaincolla lo status sul blog che viene automaticamente linkato su tuitter, in un circolo vizioso figlio della moderna “iper comunicazione senza un cazzo da dire”.