Archive | aprile, 2017

CesKoZ BoX #3 – LGBT, omofobia e diritti

28 Apr

I diritti dovrebbero essere uguali per tutti invece alcuni sono diritti e altri un po’ storti. Ma visto che l’Italia è contro la stortura significa che c’è qualcosa che non va.

Le parole sono importanti e sono la base dei fatti ma se restano solo parole volano via come dicevano i latini. Meglio poter dire liberamente “frocio” o “negro” in un paese in cui tutti sono uguali che non doverlo dire in apparenza per non offendere gli animi ma in realtà per non ricordare che esiste un problema (*). Il problema ovviamente non è il “loro” ma il “nostro”. E se ancora si possono usare questi aggettivi possessivi significa che il problema è molto profondo.

Ma la vera domanda è: ha senso incartarsi in un discorso così delicato e complicato solo per presentare la nuova puntata di CesKoZ BoX? Si, perché va bene la leggerezza ma bisogna sapere usare bene le chiavi di lettura e andare oltre le sciocchezze. Ecco, così la coscienza dovrebbe essere a posto, passiamo alla presentazione.

da leggere con voce da speaker radiofonico anni 80:

Torna CesKoZ BoX, anche se nessuno l’aveva reclamato! Nella nuova puntata si parla di omosessualità, omofobia, diritti e altre cose interessantissime che scoprirai solo se guardi il video fino alla fine. Magari da più divàis e con nick differenti per farmi più traffico.

Clicca, sciara, scialla.


(*)
Il mio pensiero è che se un gruppo di bianchi eterosessuali dice al mio gruppo in cui sono presenti neri e omosessuali che è sbagliato usare certe parole, il mio gruppo può andarli a menare e continuare a usare le parole che vuole nel modo che ritiene corretto. L’aggettivo sostantivato “testadicazzo” può essere molto offensivo ma anche molto amichevole, questo è il mio pensiero. Se hai un pensiero differente o magari vuoi aggiungere qualcosa, mi farebbe piacere iniziare un dibattito nei commenti, testadicazzo. Davvero.

Occidentali Scalzi

27 Apr
Dai dai dai levate o spigni er pedale che devo passa’ guidi peggio de mi’ nonno paralitico… ennò cazzo è giallo nun te poi ferma’… PEEEEEE PEEEEE… MA CHECCAZZO TE FERMI STO A FA’ TARDIIII… e tu smetti de piagne che tanto a scola ce devi anna’… NUN PIAGNE T’HODDETTO E TE ARIPARTI CAZZO, CHE STAI A ASPETTA’ ER BLU? Ooooh e levete dar caz… AAAHOOO… Manvedi questo n’antro po’ me viene addosso… A FIJO DE NA SDRUCINATA LIMORTACCITU… No, tu checcazzo ripeti ste cose che c’hai du’ anni? E SMETTI DE PIAGNE MANNAGGIA ALLA MAMMA DE QUELLO DE PRIMA… Ecco er parcheggio cor cazzo ma tanto la metto ar volo qua in tripla, pe’ du’ minuti… daje sbrigate… Eh? Ma che stai addi’? Nun se capiscencazzo quanno parli! Dai farbravo, tanto te vengo a riprenne dopo… si si ciao appapà ciao… AHOOO ECCHECCAZZO TE SONI STO ARIVA’… mappoi stai in seconda fila nun sta a fa’ er maestrino… Dai dai dai guarda si faccio tardi me ‘ncazzo troppo… MAVVAMMORIMMAZZATO! Era appena scattato er rosso, nu rompe er cazzo che manco t’ho sfiorato… Aridaje er parcheggio manco cor caz… ah vabbè c’è quello dei mongoloidi… ce sta pure er negro là ma corcazzo che je lascio ‘na lira… daje daje che ce la posso fa’… me cambio ar volo… ENNAMO stanno a inizia’ proprio mo’.
 
– Buongiorno, sedetevi a gambe incrociate, chiudete gli occhi, inspirate, unite i palmi delle mani e ripetete con me: OOOOOOOooooMMMMMMmmmm…
 
Menomale che me so’ segnato a Yoga, così posso ritrovare la pace col mondo, per un’ora.

Non abbiamo più tempo per noi stessi, allora lo paghiamo.

Ce Matin

26 Apr

Stamattina finalmente a Bruxelles è spuntato il sole e il cielo è azzurro. Apro la finestra per godere della frizzante brezza primaverile e invece è come se ci fosse una lastra di ghiaccio al posto dell’aria.

L’aria è freeze-ante.

(la freddura poliglotta)
(la parola “freddura” in questo caso è nel ruolo di sè stessa)
(il suffisso “ante” è nel ruolo della finestra)

C’è un’escursione termica paurosa tra sole e ombra. Andando in bici sotto al sole ho anche sudato, poi sono entrato in un cono d’ombra, quindi un cono gelato, e sono uscito con la brina sui baffi e una cialda sull’orecchio. Si, volevo scrivere “nel culo” ma poi mamma e papà mi dicono che uso troppe parolacce.

Ora mi sono rifugiato in un negozio di termosifoni e creme solari e cerco di organizzare le idee per affrontare al meglio questa nuova giornata ancora senza guerra atomica.

Buona giornata a chi crede alle mezze stagioni, vota le mezze calzette e ordina le mezze porzioni.

MMDCCLXX a.U.c. – 2770esimo Natale di Roma

21 Apr

Da du’ baracche accanto ar fiume bionno
Te sei ingrossata fino a mezzo monno
Poi sei caduta eppoi risollevata
E t’aritrovi mo’ Pentastellata

Ce sta quarcuno che sta male e che se lagna
E quarcun antro che intrallazza e che ce magna
Ce sta la Mafia a organizza’ l’apparti
E ce sta er Papa a riempi’ li sparti

Vengheno i zozzi a festeggia’ i trattati
E a chiede un po’ de pane l’immigrati
Vengheno a lascia’ er core li turisti
E nun se sfileno dar cazzo li fascisti

La corruzzione te divora l’intestini
Mentre li sorci mozzicheno li regazzini
Ce so’ li buchi su le strade e ne li conti
L’aria è annerita e la monnezza a monti

Eppure…

Eppure si te guardo, mia città
Me se gonfia er core e devo sospira’
Perché puro si è facile a parla’ male
Nun se ne trova ar monno n’antra ugguale

Dovunque li probblemi so’ li stessi
Chi cià er potere pensa all’interessi
E noi poracci stamo sempre a lavora’
Pe’ le bollette e le altre tasse da paga’

Ma armeno a Roma potemo sorti’ fori
E fasse un giro verso Campo de’ Fiori
Nun c’avremo i sordi pei regali
Ma annamo a spasso a li Fori Imperiali

Le vacanze quest’anno so’ più brevi
Ma potemo anna’ a vede’ Fontan de Trevi
La machina oramai nun è più bona
ma annamo a piedi fino a Piazza Navona

E si s’aggrava poro nonno che scatara
Je famo pija’ aria a Villa Sciara
E pure si dormimo sotto a li ponti
Se famo er bidé a Trinità dei Monti

Inzomma…

Inzomma è chiaro, è questo qua l’andazzo
Stanno bene solo l’amici de Stocazzo
Pe’ tutti l’antri nun c’è trippa pe’ felini
E questo vale da Nuiòrc a Montecatini

Perciò in mezzo a tutta sta monnezza
Mejo rifasse l’occhi e er core de bellezza
E quindi sia ner bene che ner male
T’ho scritto tanti auguri de Natale!

Buona Pasgua

14 Apr

C’era una volta un ragazzo, figlio di uno importantissimo, che fece molta strada sia grazie alle sue doti comunicative sia grazie a qualche aiuto paterno. Aiuti oserei dire miracolosi.

Questo ragazzo diceva cose bellissime e giustissime, talmente belle e giuste che stava sul cazzo a tutti i potenti tanto che alla fine quei bastardi lo ammazzarono.

Il padre lì per lì non poté fare niente ma tre giorni dopo ecco che quel ragazzo tornò in vita tra mille effetti speciali e da quel giorno ogni pasqua si comprano le uova di cioccolata.

Perché in realtà il padre era il signor Ferrero.

Buona Pasgua a credenti, creduloni e increduli, amiamoci ogni giorno come fossimo noi stessi e lasciamo che la guerra la facciano gli stronzi.