Natale 2016

21 Apr
Ogni anno scrivo la poesia su Roma.
Quest’anno nun je la faccio.
Sarà perché so’ lontano.
Sarà perché me so’ nordizzato.
Roma ormai me pare ‘na donna bellissima
che nun vole accetta’ er tempo che passa
e se mette in minigonna a sessant’anni.
 
Campa de ‘n passato che nun c’è più,
senza fa’ gnente pe mantenello,
mentre er presente sta in mezzo ar traffico
a lamentasse de tutto quanto
senza fa’ ‘n cazzo pe’ cambia’.
Er monno va avanti ma lei resta là,
stupenno monumento de sé stessa.
 
E’ stata e pe’ sempre sarà la più bella,
de quelle che tutti la guardeno ammirati,
ma doppo na scopata se metteno co n’antra.
Ce sta tanta ggente bbona che la vo’ aiuta’
tanta ggente bbrutta che la sta a prosciuga’
e tanta, troppa, ggente che s’è rotta er ca’
che lassa anna’ le cose ‘ndo je pare.
 
Me manca, come ponno manca’ li ricordi,
quei momenti che so’ stati e so’ importanti
ma che nun possono torna’, o so’ più stanchi.
Nun ce sta giorno che nun ce penso a Roma mia,
ma nun me scordo che me ne so’ annato via
e nun me scordo manco de faje tanti auguri
perché ce n’ha bisogno, più de tutti.
 
Io pe adesso faccio come Remo Remotti
nell’anni cinquanta.
E questa nun è na poesia
è solo anna’ a capo a cazzo de cane.
Annunci

Apri il tuo cuore:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: