Archivio | giugno, 2015

Fallocentrismo

30 Giu

Un divertissement psicologico di un Ceskoz esausto per caldo e lavoro.

Ma se alla fine il problema fosse solo fallico?

No alle unione gay. Perché se dovessero essere legalizzate avete paura che inizi a piacervi il cazzo.

No agli immigrati. Perché su youporn avete visto che hanno i piselli più grossi dei vostri e avete paura del giudizio delle vostre donne. Tra l’altro se si fosse già avverato il primo punto avreste paura anche dell’extreme-deep-anal.

No alla Grecia. Perché è sempre stata una cultura ambigua e promiscua, dai tempi di Socrate e poi Mikonos è piena di froci e ci manca solo che finiate in vacanza lì, insieme al vostro nuovo ragazzo africano.

Siete solo un branco di Freud.

Annunci

Scontro tra civiltà.

29 Giu

I fatti narrati sono frutto della fantasia dell’autore, anche se ispirati a eventi e servizi reali, immensamente tragici, con le dovute differenze. Ogni eventuale riferimento a persone reali o futuri attentati è puramente casuale. Da un’idea di Stefano Accorsi.

I 3 giovani dell’ISIS sono sul divano guardando una videocassetta dell’11 settembre mentre si passano una tazza di tè alla menta.

Quello con la barba giocherella con il suo smatphone made in Grande Satana e dice:

– Raga’ ce dobbiamo inventa’ qualcosa, Osama ci guarda.
– Eh ma ormai l’hanno fatto tutte, che ce manca?
– Non lo so, ma voglio le mie 40 vergini. Non ho attraversato il mare su un barcone pieno di clandestini rischiando la vita solo per stare su un divano.
– Ma non potevi veni’ con la macchina o con l’aereo?
– Si ma così era più avventuroso. L’idea me l’ha data Salvini.
– A proposito di idee, ce ne vorrebbe una: partendo dalla spiaggia di Tunisi, che vi viene in mente?

Nel frattempo la videocassetta finisce e torna il digitale terrestre, sintonizzato su SkyTG24, la allnews che sta in diretta anche se nessuno gliel’ha chiesto. Subito dopo il servizio in cui si intervista prima il vicino dell’attentore che dice che se lo aspettava e che era chiaro fosse un terrorista e poi il macellaio che invece parla di un bravo ragazzo che “comprava la carne da me e tornava a casa”, in attesa dell’approfondimento serale con una lunga intervista esclusiva alla fidanzatina delle elementari, ecco che appare una giornalista agitata che vaga per una stazione importunando i viaggiatori. Il titolo del servizio parla chiaro: DOPO LA STRAGE DI TUNISI, NON SONO AUMENTATI I CONTROLLI ALLA STAZIONE DI MILANO.

– Quella puttana della fidanzatina delle elementari ha i capelli troppo cotonati, dobbiamo lapidarla.
– Mandiamo anche Ahmed a controllare che quel macellaio abbia tutto halal.
– Ragazzi ma… non capite? Questa è l’idea che cercavamo!
– Quale?
– Come quale? E’ ovvio che il passo successivo alla spiaggia di Tunisi è la stazione di Milano.
– In che senso? Mi sfugge il nesso…
– Cazzo è ovvio: spiaggia – stazione balneare – stazione ferroviaria…
– Mi pare un po’ debolino…
– Eddaje: Tunisia – Hammamet – Craxi – Milano… TAAAAAC!
– Sei un grande! Allah ti protegga!
– Quelli di Sky stanno avanti! Ora ascoltiamo bene il servizio che ce spiegano pure bene le falle della sicurezza.
– Certo che così seminano il panico tra la gente.
– E’ calcolato, così nessuno esce de casa e resta incollato alla tv.
– Facciamo bene a distruggere sta civiltà.
– Chiamala pure “civiltà”.
– Hai ragione, dai andiamo a tagliare qualche testa per esporla sui pali.

Da Ceskoz è tutto, a voi studio.

Diario Segreto

26 Giu

Sembra ieri che Renzi usciva dal Consiglio europeo e invece era oggi, tipo alle 3:00 di mattina, dopo 18 ore di lavoro.

Alle 4:00 ero a letto con sveglia alle 8:00, per rivedere Renzi alle 9:00. Quattro ore di sonno, per fortuna mio figlio dorme tutta la notte. Le altri notti.

Stanotte si è svegliato due volte, prima per fame e poi scacazzando tutto il letto.

Poi Renzi è entrato ripetendo le cose che ha detto ieri notte, cioè stamattina più presto, cioè che l’Europa non ci si incula ma forse riusciamo a piazzare sti 40 mila. Dirette ogni ora o mezz’ora per ripetere le stesse cose.

(per capire meglio cosa succede in Grecia e in Europa, è meglio leggere QUI)

Scesa l’adrenalina sale la stanchezza e manca la cocaina. Le gioie della famiglia, il bello della diretta, l’Isis che destabilizza la Francia, la Francia che destabilizza Ventimiglia.

E domani finalmente è sabato. E c’è l’Eurogruppo per salvare la Grecia.

Venitemi a raccattare con un cucchiaino per favore, almeno smetto di usare il blog come fosse il diario segreto.

Fuori Tema – Consigli su Grecia e Immigrazione

26 Giu

Torna il uichènd, e torna la rubrica più amata dagli immigrati clandestini greci.

Cosa succede al tavolo degli eurogruppi e degli eurosummit?
Quali sono le strategie “ouzo” e “sirtaki”?
Cosa risponde Varoufakis alle accuse della Lagarde?

Queste ed altre domande troveranno finalmente risposta. Forse non su Fuori Tema, ma già che ci siete, leggetelo:

http://www.eunews.it/2015/06/26/consigli-su-grecia-e-immigrazione/37964

FT Eurogruppo Grecia

Nonno Remo, addio!

23 Giu

Vivi intensamente, muori giovane.
Tu gliel’hai messo in culo a tutti e hai vissuto intensamente per 90 anni.

Hai girato il mondo,
hai girato le donne,
hai girato film,
hai girato palcoscenici.

“Ahò io c’ho l’anni der Papa” gridavi con quella voce gracchiante, sempre allegra pure se incazzata, durante uno spettacolo. Di papi ce ne so’ stati altri due, nel frattempo.

Eri, anzi sei un pezzo de Roma, un pezzo di Italia. Una Roma e un’Italia che se ne stanno andando per sempre. Te ne andavi da quella Roma puttanona, fascistoide e borghese anni ’50. Poi come dici tu dopo aver letto la poesia, “e alla fine ce so’ tornato”. E pare che quella Roma sia ancora tale e quale.

Da quando sono emigrato a Bruxelles ho pensato spesso ai tuoi spettacoli – ormai sempre uguali, ma sempre imperdibili – e se ci potesse essere il modo di portarti qui, al posto di Tiziano Ferro o Eros Ramazzotti. O di tutte quelle teste di cazzo che siedono al Parlamento Europeo facendo finta di lavorare per noi.

Speravo di rivederti quest’estate in qualche arena estiva a San Lorenzo, magari romperti i coglioni per fare una foto con mio figlio in braccio.

E invece hai deciso che era giunto il momento per andar via.

Mi mancherai, non so che altro dirti. Ma hai lasciato segni del tuo passaggio per quattro generazioni, nessuno ti dimenticherà.

Nonno Remo, addio!

Fuori Tema – Summertime

19 Giu

I migranti arrivano sulle nostre coste e i politici gridano slogan e tuittano cazzate.

Solo Fuori Tema affronta il problema di petto e cerca delle soluzioni credibili.

Leggi, sciara, scialla:

Fuori Tema – Summertime

Daddy Cool – Il fagiolo

18 Giu

DC corona

Come ormai avrete letto su tutti i giornali, la rubrica più amata dalle mamme e dai figli e dai papà e dai nonni insomma da tutti i parenti, ovvero Daddy Cool, da giugno è emigrata sulle pagine di pianetamamma.it.
E ovviamente pianetamamma è sempre pianetamamma.

Abbiamo ricominciato da zero ed oggi esce la seconda puntata.
(Riassunto della puntata precedente: lei gli dice che è incinta, lui le guarda le tette ingrossate).

Il papà conoscerà il ginecologo, vedrà un legume in bianco e nero e ascolterà un beat molto toccante.

Daddy Cool – Il fagiolo