Archivio | maggio, 2014

Friday Spam – Grilletto

30 Mag

Image

Vi chiedete mai cosa c’è dietro?

Io si.
Ogni volta che incrocio una con un bel viso o i seni giganti me lo chiedo e devo voltarmi per scoprirlo.

Ma vi siete mai chiesti cosa c’è dietro una notizia?
Sicuramente no, ma tanto questa settimana vi rispondo lo stesso.

Fuori Tema, la rubrica per il lettore che non deve chiedere mai.

Leggi, sciara, scialla e salta in taxi.

http://www.eunews.it/2014/05/29/grilletto/16705

Annunci

Grilli per la testa

28 Mag

Dopo notte elettorale e cena post elettorale sono arrivato al decimo giorno consecutivo con orari massacranti di lavoro e comincio ad avere le allucinazioni.

Oggi credevo fosse una giornata tranquilla invece ieri hanno annunciato una divertente conferenza LePen-Salvini. E vabbè, fa sempre piacere ascoltare idee innovative e pacate; tanto sarà nel pomeriggio.

La mattinata è soft e mentre faccio colazione rilassato con la mia vestaglia di seta e le pantofole di pelo, sorseggiando infusioni indiane e frutta fresca, ricevo la prima telefonata della giornata.

GRILLO È APPENA ATTERRATO A BRUXELLES!

Sputo i biscotti, rovescio il cappuccino e mi sbrodolo il pigiamone di flanella.
Da li in poi è un vortice di chiamate, ricerche, organizzazioni, madonne, ricatti, suppliche, gastriti, corse, salti, giravolte e infarti.

Ora sono in Parlamento con le forze al minimo, aspettando un pazzo che non si sa dove va e cosa fa e mi chiedo sempre più spesso se ho sbagliato qualcosa nella vita.

Poi guardo la pioggia fuori e ne ho la certezza.

Buona giornata a chi fa un lavoro monotono e alienante con orari precisi e ferie programmabili.

Matite, cabine, divani e selfie.

26 Mag

Qui tutti parlano di’ ste elezioni. In Europa hanno vinto i Popolari, in Italia Renzi, in Belgio fiftififti. Insomma nessuna novità, apparte per l’ego del premier.

La notizia è che ho dormito solo due ore e mezzo e sto di nuovo nell’emiciclo blu soporifero (e gelato, mortacci vostra) a fare le dirette che danno i numeri.

Ho trovato un posticino appizzato per dormire un altro po’, sdraiato in terra dietro un pannello, ma mi sono svegliato peggio di prima, ossa rotte e brividi di freddo. La colazione mi ha rimesso al mondo.

Poi mentre ero sul comodo divano davanti gli ascensori è uscita una conoscente in minigonna e mi ha detto “hey you look good with all this blue on the back, you should do the selfie thing”. Mi è sembrata una cosa carina.

Quindi beccateve il blue selfie, mentre continuano gli scrutini, e a me che vinca er Gabbibbo o er Papa, m’abbasta che me mannano a casa (quanno c’ho sonno scivolo ‘n po’ sur l’itajano).

Buona giornata a chi pensava davvero di poter cambiare il mondo con una matita dentro una cabina.

20140526-111723-40643251.jpg

Friday Spam – Finnish Blues

23 Mag

Venerdi esce Fuori Tema.
Anche quando tutti avevano perso le speranze.

È arrivato tardi perché con la prima versione qualcuno avrebbe perso il lavoro. Ed ancora non posso permettermelo, visto che non vi degnate di pagarmi un euro al mese ciascuno.

Una favola finlandese, tra slitte, ottiche e rispetto.

Leggi, sciara e scialla.
Se me vòi bene.

http://www.eunews.it/2014/05/23/finnish-blues/16315

Per Sé, Veranza.

21 Mag

Bisogna scegliere un obbiettivo e concentrare tutte le proprie energie per trovare il modo di raggiungerlo. Studiando, applicandosi, migliorando, sbagliando e ricominciando senza abbattersi mai.

Oppure si può fare come faccio io. Un giorno ti svegli che vuoi essere scrittore, un giorno regista, un giorno poeta, un giorno pornostar, un giorno cantante, un giorno giornalista, un giorno stilista metrosessuale, un giorno fumettista.

Funziona così: appena la cosa che stai facendo diventa un minimo impegnativa e ti porta anche un solo accenno di stress, la accantoni e scegli un altro obbiettivo.

Insomma oggi ero fumettista, ho dato un occhio alle scuole di fumetto, agli attrezzi del mestiere, ai costi e ai tempi. Quindi ho deciso che voglio fare il ginecologo.

Ragazze vi aspetto nello studio di casa mia per una visita gratuita.
Per ora guardo solo poi inizio a studiare.

Buona giornata a chi ha le idee chiare, ma chiare chiare, quasi trasparenti.

Friday Spam – A seguire: Dibattito.

16 Mag

Image

Ieri al parlamento Europeo si è fatta la Storia.
Oggi ne parleranno tutti, in fila alle poste, sull’autobus, a trans.
E Fuori Tema non può far finta di niente.
Anche perché negli ultimi due giorni non ho sentito parlare di altro.

E’ una catarsi.
O forse uno scatarro.

http://www.eunews.it/2014/05/16/a-seguire-dibattito/15807

Leggi, sciara e vota la tua Europa.
Se sai ‘ndo sta.

Di 35 ce n’è uno.

12 Mag

L’anno scorso in questo stesso giorno avevo scritto un pezzo fichissimo basato sul numero 33.

Era leggero e profondo allo stesso tempo, come solo io e Muccino sappiamo fare, parlava degli anni di Cristo, dei giri degli LP e dei trentini che entrarono a Trento. Poco prima di “pubblicarlo” l’ho fatto leggere alla mia fidanzata che si è divertita un sacco ma poi mi ha detto “guarda che tu oggi compi 34 anni”. Lì ho capito che era l’inizio della fine.

Oggi è uno di quei compleanni con il 5, quelli del giro di boa.
Quando si scavalla il 5 ci si avvicina all’altra sponda, cioè in senso etero, anagrafico, e le cose cambiano.

Ad esempio dopo i 5 anni ho smesso di pensare che le bambine fossero una cosa inutile, intraprendendo il cammino verso la maturazione maschile che è quella che si raggiunge a 10 anni.
Dopo i 15 anni ho capito che oltre alle pippe esistevano altri tipi di sesso.
Dopo i 25 anni ho inziato a praticarli.

Il 5 è una tappa fondamentale del viaggio tra una decade e l’altra, ovvero la “decadenza”.

Ricordo benissimo che appena compiuti i 25 anni mi sono ubriacato per festeggiare e il giorno dopo i tempi di recupero sono raddoppiati rispetto a quando ne avevo 24, cioè due giorni prima. Ho buttato tutti i giocattoli e ho comprato un cellulare, ho buttato i Dylan Dog e ho comprato dei libri, ho buttato la marijuana e ho comprato della cocaina.

E’ una maturazione, un cambio di percezione, un mal di schiena più frequente, sentirsi dare del lei, essere diventato adulto e dover affrontare la vita a muso duro, prima di chiamare mamma per essere rassicurati.

Oggi sono 35.

Gli ENTA finora sono stati gli anni più belli, anche se a 18 non lo avrei mai creduto possibile e anzi pensavo che sarei morto prima, di vecchiaia. Sono gli anni della consapevolezza: ti conosci, ti piaci, ti stai simpatico e se non fossi etero ti daresti pure una bottarella. Sai quali sono i tuoi limiti, cerchi di superarli ma se non ci riesci te ne fai una ragione, sai quello che ti piace fare e soprattutto farti fare, si c’è della malizia in questa frase, non sai quello che vuoi perché quello non lo sa nessuno, ma sai quello che hai e quello che che sei e senti che te lo sei guadagnato. Anche se l’hai rubato, se nessuno t’ha beccato.

Insomma arrivati al 5 è sempre il caso di stringersi la mano, darsi una pacca sulle spalle e rimettersi in marcia, che comunque la decade è ancora lontana.

E’ un cambiamento soft, è tipo un trailer di quello che verrà.

Ringrazio tutti quelli che mi hanno fatto gli auguri, anche se è facile perché c’è feisbuc che ve lo ricorda, o che mi hanno solo pensato, o che mi penseranno stasera facendo all’amore (va bene anche se maschi, mentalmente sono aperto).
E approfitto per ringraziare anche chi mi legge, da tanto o da poco tempo, e mi fa sentire che quello che scrivo ha un senso: è anche grazie a voi se oggi sono la testadicazzo che sono.

cescobambino

Buona giornata a chi mi e/o si vuole bene e tanti auguri a tutti noi.