Archivio | febbraio, 2014

Friday Spam – La Nostra Redazione (è qualche cosa di diverso)

28 Feb

La rubrica più seguita di Tor Pignattara apre le sue porte ai lettori svelando il volto più nascosto.
Come Repubblica.it vi fa entrare nel cuore del giornale, noi vi facciamo penetrare nel colon.

Image

Come nasce una puntata di Fuori Tema?
Chi sono i ragazzi dello staff?
Com’è Ceskoz come direttore?

Queste ed altre domande che non vi siete mai posti troveranno finalmente una risposta.
Ovviamente su eunews.it.

http://www.eunews.it/2014/02/28/la-nostra-redazione-e-qualche-cosa-di-diverso/13047

Buon uichènd a chi legge e condivide con empatia.

Annunci

Movimento

26 Feb

Il Movimento 5 Stelle, quando non spacca le palle si spacca al suo interno.

Image
:

Flashed News

26 Feb

cescopunta

(da Feisbuc, del 26 Febbraio 2014)

Il maestro Paco de Lucia ci ha lasciati.
Oggi feisbuc e tuitter saranno invasi dalla buona musica.
Soprattutto sui profili di chi di solito ascolta Paola e Chiara.

Paris Hilton intanto posta tutti i video dei Gipsy King.

Renzi va in una scuola di Treviso perché, dice, bisogna partire dalla scuola.
E si mette a fare volantinaggio in cortile per le prossime elezioni.
Del rappresentante di istituto.

In Uganda è passata una legge che prevede l’ergastolo per gli omosessuali.
Nel 2014 è una vergogna, uno schifo.
Ma non si rendono conto che così staranno sempre tutti nelle docce a lanciare saponette!?

In Belgio invece c’è il sole, grazie ai cambiamenti climatici, quindi prego tutti gli italiani di sgasare coi SUV, spruzzare spray anni 80, accendere i condizionatori a palla, e comprare verdure e acque in plastica provenienti dall’altro capo del mondo. Grazie.

In tutto ciò non fumo da sabato notte e mi sento molto meglio.
Ogni tanto mi viene voglia di una sigaretta ma ho scoperto che basta succhiare un bastoncino di liquerizia intriso di acido lisergico.

Buona giornata a chi copiaincolla i tuit su feisbuc e poi copiaincolla lo status sul blog che viene automaticamente linkato su tuitter, in un circolo vizioso figlio della moderna “iper comunicazione senza un cazzo da dire”.

Ciao Alberto, ciao Alvaro

25 Feb

11 anni fa se ne andava un pezzo di Roma, che era un pezzo di Storia nazionale, che prendeva in giro i vizi e i difetti degli italiani, senza mai smettere di esserlo al 100%. Con lui abbiamo attraversato la guerra, la ricorstruzione, la rivoluzione dei costumi, l’americanizzazione, il boom economico, la corruzione, la gioia, la leggerezza, la superficialità, la cattiveria e la disperazione di un popolo meraviglioso che si lamenta sempre ma poi vota Berlusconi, aspetta il condono sulla casa al mare ed è sempre pronto ad aggiungere un posto a tavola.
Alberto Sordi è stato uno di noi, che ci piaccia o no.
Guardando i suoi film ci si diverte, ci si riconosce, si ride amaro e magari viene la voglia di cambiare.

Vorrei ricordarlo con questo esilarante elogio funebre, come penso che avrebbe voluto lui:
http://www.youtube.com/watch?v=5yHbeEeZy_g

Ma non è finita: 11 anni fa, nello stesso giorno se ne andava un altro pezzo di Roma, nel caso specifico la voce.

Alvaro Amici ci ha lasciato in sordina, mentre eravamo tutti distratti da Albertone. Avrebbe meritato un po’ più di attenzione, ma alla morte nun se comanna.

I suoi stornelli, le serenate e i pezzi “strappacore” rimangono comunque nelle incisioni e nei cuori dei romani e di chi, anche fuori dal Raccordo, apprezza questa musica e la sua incredibile “voce piena”.

Ciao Arvare’, chissà come te sei magnato er fegato!

http://www.youtube.com/watch?v=iZqjYbTFsuE

Uno, due, trend

18 Feb

Sanremo è uno di quegli eventi che ancora fanno parlare, nonostante non ci sia un cazzo da dire, tipo Sanvalentino.

Quelli che se lo guardano perché è tradizione, perché gli piacciono i presentatori o gli ospiti, perché vogliono sentire le novità musicali italiane, perché sugli altri canali non c’è niente di meglio, perché magari Grillo fa irruzione, perché non ci credono che Ligabue s’è fatto biondo, perché è un evento importante che porta un sacco di lavoro.

Quelli che non se lo guardano perché non l’hanno mai guardato, perché odiano i presentatori, perché le novità musicali italiane (senremesi) gli fanno schifo, perché preferiscono i film di serie B sugli altri canali, perché Grillo già rompe il cazzo tutti i giorni ce manca pure in prima serata, perché Ligabue s’è fatto biondo, perché tutti quei soldi potevano essere spesi meglio.

Poi ci sono quelli che non gliene può fregare di meno, ma visto che ne parlano tutti seguono il trend e buttano giù un paio di cazzate tanto per riempire un post.

E comunque se a Bruxelles un locale organizzasse una serata emigranti con la diretta della finale sarebbe una cosa carina. Alcool a fiumi e botte da orbi, tipo ai mondiali.

Buona giornata a chi ha la stessa playlist “Italia” dal 1996, con gli Squallor, i Prozac +, i CCCP e Vasco.

Friday Spam – Dallo Zen allo Smart

14 Feb

(giuro che non succederà mai più che posto due post nello stesso giorno, ma si sono accavallati due eventi importanti: sanvalentino e Fuori Tema)

Image

Renzi arriva sgommando con la Smart, colpisce Letta che vola fino al colle cadendo nella posizione del dimissionario e il Presidente comincia a pensare di abolire definitivamente le elezioni.

Questo in Fuori Tema non c’è, ma leggendo tra le righe si trova anche di più.

Condividetelo sulle vostre bacheche insieme alle foto dei gattini, i complotti e le puttanate di Grillo.

E soprattutto col vostro amore!

http://www.eunews.it/2014/02/14/dallo-zen-allo-smart/12679

Quattordicizerodue

14 Feb

San Valentino,

la festa in cui si celebra l’amore acquistando cioccolatini di multinazionali che distruggono il pianeta o mazzi di fiori da extracomunitari schiavizzati da organizzazioni criminali, come se gli altri giorni il pianeta non fosse distrutto dalle multinazionali, gli extracomunitari non fossero schiavizzati e soprattutto non fossimo innamorati.

Basta con queste feste consumiste!
L’amore si consuma ogni giorno tra le lenzuole, le tovaglie e le stoviglie lanciate. Sono contro questa festività perché così non devo compra’ niente.

Oggi milioni di donne in tutto il mondo danzeranno per restituire maggiore dignità al genere femminile. E finiranno con uno spogliarello, dirette da Umberto Smaila.

E’ anche il giorno di “M’illumino di meno”, l’iniziativa nata da Caterpillar (radiodue) per sensibilizzare la gente sul tema del risparmio energetico. Come ogni anno parteciperò e questa volta per ricordarlo ai vicini ho istallato sul tetto una megascritta al neon da un milione di watt che potrà essere vista fino in Australia.

Buon uichènd a chi non ha bisogno del calendario per ricordarsi di essere innamorato.
Di me.