NATALE DI ROMA n.2766

21 Apr

Come da tradizione – so che aspettavate con ansia – l’annuale augurio in rima per Roma.

MMDCCLXVI a.U.c.

Er monno va veloce su sé stesso
Vola la scienza e la tecnologgia
É tutta na rincorsa a ‘sto progresso
Che più che necessario è na mania

Telefoni che stanno sopra a ‘n dito
Satelliti che te dicono ‘ndo anna’
Aerei pilotati da ‘n circuito
Verdure innestate ar baccalà

Ma c’è na cosa che nun è cambiata
‘Nder mezzo de ste corse folli
Ce stai te, che pari appennicata
Sopra ar divano de li sette colli

Po’ esse forse che a quasi tre millenni
Doppo le guere, l’impero e le invasioni,
Li papi, li franzosi e li tiranni
Te sarai pure rotta li cojoni.

Ce sta ‘na Punto ‘ndo c’era ‘na carozza
E ‘na banca ‘ndo stava la bottega
Ma tanto è sempre er popolo che abbozza
E che te manna avanti e se ne frega

Se lamentamo de le cose che nun vanno
Ma nun ce va mai de fa’ no sforzo
E preferimo lascialle come stanno
Pe’ fasse quattro passi a via der Corso

Roma sei de noantri, in bene e male
Ce fai stressa’, ma ce arigali er bello
Sti cazzi de chi siede ar Quirinale
Noi stamo in piazza a brinda’ cor vinello

A festeggia’ sta città meravijosa
Der resto nun ce ne ‘mporta gnente
E pe fatte renne conto de ‘sta cosa
Nemmanco se cambiamo er Presidente.

Annunci

Apri il tuo cuore:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: