VENTUNO DODICI DUEMILA DODICI

6 Dic

– Ciao, senti, mi chiedevo… tu fai qualcosa per la fine del mondo?

…no che qui bisogna organizzarsi. Si pensava ad un festone a bordo piscina, con la piscina riempita di acido lisergico. Puoi venire vestita come vuoi, anzi l’idea è quella di non essere vestiti affatto, che è più facile congiungersi carnalmente mentre ci si abbuffa al buffet. Ci sarà un gruppo dal vivo e – forse – uno dal morto, che se è vera la storia del giudizio universale abbinata alla fine del mondo, i defunti torneranno sulla terra e pensavo di ingaggiare i Ramones. Fico eh? C’è un sacco di gente già in lista, ti chiamo anche perchè tra le prenotazioni c’è pure “Maya” che non ho capito se è l’amica tua bona o l’intera popolazione sudamericana… Il bar è aperto, c’è uno dei migliori barman del mondo, quello che ha inventato “l’Oblio”: due parti di vodka, una di succo d’arancia e 20mg di eroina thailandese. L’ingresso costa 150 euri ma porta tutti i tuoi risparmi che a mezzanotte facciamo un falò di banconote per simboleggiare la fine del consumismo. Il catering è organizzato da “Chez Mo”, il ristorante più caro dell’Occidente… no, in realtà si mangia malissimo, è famoso solo perchè è caro arrabbiato, ma ha fatto le cose in grande e si potranno gustare anche tartine di carne umana. Porta chi vuoi, basta che me lo fai sapere al massimo la prossima settimana che i preparativi non sono semplicissimi, abbiamo avuto qualche problemà con la polizia… e con le guardie svizzere… ma dovrebbe essere tutto risolto. Allora dai, spargi la voce e ci vediamo il 20 sera, ci conto eh!

Quante volte in questo ultimo periodo avete ricevuto telefonate come questa?

Io purtroppo mai, ma sicuramente ci sono gruppi di folli che hanno programmato eventi di questo tipo (se ne siete a conoscenza, la mia imeil è ceskoz@gmail.com) o di carattere più religioso o di carattere  più “suicidio di massa”, anche se ultimamente non sono più in voga (se ne siete a conoscenza, lasciate perdere: se riesco a imbucarmi all’altra festa vi ci porto).

RAGAZZI SVEGLIA!!!
La fine del mondo predetta dai Maya è una bufala.

E’ solo una trovata pubblicitaria delle aziende di bunker antiatomici per incrementare le vendite nel periodo natalizio, che di solito subiscono una battuta d’arresto.

Ci credono solo i complottisti patologici, che ormai grazie alla rete possono trovare chili e chilobait di false notizie per alimentare le proprie irrazionali paure. Non c’è nessun complotto, non c’è nessun “loro”. I complotti su Kennedy, sull’11 settembre, sulle scie chimiche, sullo tsunami, sono tutte invenzioni.

L’unico complotto reale è il “complotto del complotto”.
Esiste infatti una segretissssima setta di dieci persone vecchissssime e ricchissssime che una volta ogni lustro si riunisce in videoconferenza col video oscurato per mantenere l’anonimato (che poi fare una videoconferenza col video oscurato è come incidere il silenzio assoluto su un cd, a ‘sto punto telefonatevi) e decide quali saranno le verosimili boiate da dare in pasto agli internauti per far loro perdere di vista i numerosi problemi reali e quotidiani che altrimenti potrebbero essere affrontati e risolti.

Ma come sempre sono andato fuori tema.
Rientro.

La tesi della fine del mondo predetta dai Maya può essere rapidamente confutata da due fatti concreti.

Il primo sono i viaggi nel tempo.
L’opinione pubblica moderna ha la memoria troppo corta a causa della continua rincorsa all’ultimo modello di qualsiasi cosa sia già in suo possesso, e dimentica facilmente il passato recente. Tutti infatti sembrano ignorare il fatto che l’ex governatore della California, Arnold Schwarzenegger, sia in realtà un androide venuto dal 2029. Se questo non bastasse, da ancora più lontano, precisamente dal 2036, è giunto ai giorni nostri John Titor, soldato americano tornato indietro nel tempo per recuperare un computer IBM e salvare il mondo uccidendo Steve Jobs prima che inventasse l’aifon. Il suo arrivo (nonostante la sua missione sia fallita e John abbia prima ucciso erroneamente tale Sarah Connor e poi sia impazzito appresso alla PlayStation visto che nel suo tempo si campava – anzi si camperà – solo di agricoltura e pastorizia) ci fa sperare che per almeno altri 24 anni il mondo andrà avanti, anche se la terza guerra mondiale da lui predetta non sarà certo una passeggiata. Qualcuno aggiunge che “Matrix” è ambientato più di 100 anni dopo il 2000, ma si tratta di poveri mentecatti che non sanno distinguere la realtà da una storia di fantascienza.

Il secondo punto, quello che scioglierà ogni eventuale dubbio residuo, è la vera storia di come sia nata questa cosiddetta profezia.
I Maya, come tutti sanno, erano un popolo dedito all’abuso di sostanze psicotrope naturali, che stavano perennemente fattissimi in rituali orgiastici e lisergici. Nell’anno del Parhapontzipò, alla fine di un after hour propiziatorio a base di ossessivi ritmi tribali e finger-food di peyote, il figlio del sacerdote Chiloom aspirò un tiro da uno spinello gigante ricavato dal riempimento della corteccia esterna di una quercia secolare e, rimasto senza fiato, subito prima di svenire gridò con voce roca ma grave: “aò… hhhhhh… questa è la fine del mondo!” gettando nella paranoia più nera tutta la tribù, pericolosamente alterata, che contagiò i villaggi vicini e portò nel giro di pochi giorni all’estinzione quasi completa dell’intero popolo.

Smettiamola di negare l’evidenza.
Non ci sarà nessuna catastrofe.

Il sistema economico finirà per ingurgitare se stesso, i ghiacci si scioglieranno, uscirà il nuovo film dei Vanzina, gli animali conterranno sempre più veleni e la popolazione crescerà esponenzialmente come una metastasi.

Ma avremo ancora parecchio tempo per goderci il macabro spettacolo.
Provando a cambiare le cose o continuando a svuotare i portafogli per riempire le discariche.
Accendendo focolai di rivoluzione o accendendo il digitale terrestre.

Oppure ricalcando le antiche e naturali tradizioni dei Maya.

PieSse:
Se poi il mondo dovesse effettivamente finire il 21.12.2012, mi scuso in anticipo con gli interessati.

Annunci

Una Risposta to “VENTUNO DODICI DUEMILA DODICI”

  1. philippe 07/12/2012 a 16:52 #

    …..ma non ce l’hai un lavoro??????

Apri il tuo cuore:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: